Il nastro Hash è tornato, suggerendo ulteriori guadagni della BTC

Bitcoin si sta preparando per un’altra corsa dei tori? Secondo il dirigente della crittografia Charles Edwards e il cosiddetto indicatore Hash Ribbon, la risposta è „sì“.

Il nastro dell’hashish appare ancora una volta

L’ultima volta che è apparso un „Hash Ribbon“ è stato alla fine di aprile. A quel tempo, il numero uno al mondo di criptovaluta per limite di mercato era scambiato per circa $7.500, più di $3.000 in più rispetto a dove si trovava durante il picco del coronavirus a metà marzo. Da lì, il bitcoin alla fine è salito a 10.400 dollari, suggerendo che la valuta aveva recuperato tutto ciò che aveva perso in poco più di due mesi.

In un’intervista, Edwards ha spiegato:

Il segnale di „acquisto“ dei nastri Bitcoin Hash Ribbons ha appena confermato. Il segnale post-salvataggio è particolarmente speciale. Ci vorrà probabilmente un tempo piuttosto lungo prima che si verifichi il prossimo… e così, inizia la grande corsa dei tori.

Continuando, Edwards ha detto che il nastro Hash Ribbon sarà spesso visto sulle tabelle tecniche di BTC circa una volta all’anno. Spesso si mostra ogni volta che i minatori iniziano a vendere le loro scorte di bitcoin una volta che la valuta diventa troppo costosa da estrarre. Questo ha perfettamente senso se si considera che il terzo dimezzamento del bitcoin è avvenuto circa due mesi fa.

Si è trattato di una situazione difficile in quanto, mentre prima tutti erano entusiasti del fatto che la valuta avrebbe raggiunto nuovi massimi a causa del dimezzamento, l’evento si è verificato nello stesso momento in cui il coronavirus stava devastando i mercati globali. Il prezzo della valuta è sceso di circa il 70%, il che significa che quando si è verificato il dimezzamento, il nuovo massimo dell’asset si trovava all’incirca al punto in cui era stato precedentemente scambiato in febbraio. Niente per cui valga la pena di stappare lo champagne.

Oltre a ciò, l’evento si è rivelato un vero e proprio fallimento, con ulteriori picchi di prezzo registrati durante il lead up iniziale. In ogni caso, il dimezzamento ha offerto una serie di circostanze traballanti per i minatori di criptovalute che probabilmente li hanno fatti riflettere due volte sul fatto di mantenere le loro operazioni e di mantenere le loro scorte di bitcoin in calo.

Senza dubbio, molti di loro hanno deciso di vendere almeno una parte di ciò che possedevano per avere in mano un po‘ di denaro a lungo atteso per sopravvivere all’economia in crisi. È stato questo comportamento che probabilmente ha portato alla presentazione di un altro Hash Ribbon.

I minatori hanno venduto molto di ciò che possedevano

Spiega Edwards nella sua tesi dell’ottobre 2019:

A causa dell’effetto del sentimento negativo e dell’azione dei prezzi durante i mercati degli orsi profondi e i periodi di capitolazione dei minatori, il momento migliore per acquistare bitcoin è tipicamente da qualche parte nel bel mezzo del periodo di „capitolazione dei minatori“.

È interessante notare che queste parole hanno senso anche perché, in seguito alla diffusione del virus, molte persone hanno probabilmente acquistato bitcoin e altri beni digitali come mezzo per coprire la loro ricchezza e proteggersi dalla minaccia dell’inflazione e da altri problemi economici che, secondo molti analisti, sarebbero sorti a causa della stampa di denaro per gli assegni di stimolo americani.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.